Museo Leonardiano
Vinci

A Vinci, dove Leonardo nacque e maturò le prime ispirazioni per i suoi studi ed opere pittoriche, il Museo Leonardiano presenta una delle raccolte più ampie ed originali dedicate ai molteplici interessi di Leonardo tecnologo, architetto, scienziato, pittore e, più in generale, alla storia della tecnica del Rinascimento.


Vinci, Museo Leonardiano

Il museo

Il Museo Leonardiano di Vinci è la più antica raccolta interamente dedicata all’opera di Leonardo da Vinci scienziato, tecnologo e ingegnere.
Dopo imponenti lavori di restauro al Castello dei Conti Guidi negli anni Quaranta del Novecento, il “Museo Vinciano” fu inaugurato il 15 aprile 1953. L’esposizione originaria comprendeva una serie di modelli ricostruiti sulla base dei disegni leonardiani e un’altra dedicata al volo.

Arricchito nel 2004 con la sede di Palazzina Uzielli e il suo scenografico ingresso di Piazza dei Guidi progettata da Mimmo Paladino, il Museo Leonardiano, grazie all’utilizzo della tecnologia digitale tra cui installazioni multimediali e dispositivi per la realtà virtuale, mira a coinvolgere sempre di più il visitatore e a guidarlo nella comprensione del funzionamento, spesso complesso, delle macchine leonardiane. Il percorso espositivo comprende anche una sezione dedicata all’anatomia e una sala immersiva sull’infanzia di Leonardo a Vinci, nonché la torre panoramica del Castello con la sua imperdibile vista sulle colline del Montalbano e del Valdarno inferiore.

Da non perdere

Opere dei grandi maestri, ricostruzioni multimediali, voci e racconti del territorio e delle comunità che lo abitano, reperti archeologici e memoria delle arti e dell’artigianato: ogni museo regala piccole grandi storie, tutte da scoprire.

Scienza e tecnica

Escavatrice

Questa macchina, ideata per automatizzare e accelerare le operazioni di scavo, trasporto e scarico del materiale, utilizza due bracci di lunghezza differente che le permettono di lavorare contemporaneamente su terreni posti ad altezze diverse.
Il movimento dei recipienti adibiti al trasporto del materiale è regolato attraverso delle corde passanti per una ruota centrale di comando. Leonardo aspira a realizzare una ruota calcatoria che, movimentata da pochi uomini, avrebbe dovuto generare la forza necessaria per azionare la macchina e sollevare il carico. Grazie ad un argano orizzontale a vite che la fa procedere lungo delle guide sul terreno, questa escavatrice può essere spostata, man mano che lo scavo procede, senza dover essere smontata.

Scienza e tecnica

Cambio a tre rapporti

Leonardo analizzò i principi di funzionamento e i vantaggi offerti dalla combinazione di elementi dentati nella trasmissione del movimento, studiò le prestazioni e i vari tipi di meccanismi che producono velocità differenziate per ottimizzare la propulsione delle macchine da lavoro. In questo modello un ingranaggio a lanterna muove tre ruote dentate. I loro differenti diametri fanno sì che queste ruotino a diverse velocità. Tale principio è identico a quello oggi usato nelle moderne automobili.
Il modello, insieme ad altri tre meccanismi presenti in sala, è stato ricostruito in 3D e grazie a un’applicazione con visore Oculus di realtà virtuale è possibile toccarlo “con mano” e metterlo in funzione.

Scienza e tecnica

Orologio di Chiaravalle

Durante il suo soggiorno a Milano, Leonardo dedica numerosi disegni allo studio dei sofisticati meccanismi dell’orologio della vicina Abbazia di Chiaravalle.
In questo modello l’organo motore si trova all’interno di una struttura lignea dove un peso, abbassandosi, fa ruotare un tamburo che a sua volta mette in moto una serie di alberi e ruote dentate che compiono sequenze cinematiche ordinate. La struttura esterna presenta tre quadranti: i due più piccoli calcolano i minuti e le ore; quello più grande, invece, con i 12 mesi dell’anno, grazie alle lancette che indicano la posizione del sole e della luna, fornisce indicazioni astrologiche e astronomiche.

Il territorio

Situato sulle pendici del Montalbano, Vinci è un borgo medievale ben conservato e noto a livello internazionale per essere il paese natale del grande Genio.

Immersa in una campagna verdissima, tra vigne ed oliveti che regalano ottimo vino e olio pregiato, Vinci è situata sulle pendici del Montalbano, incantevole massiccio collinare tra le province di Firenze e Pistoia, e dunque nel cuore della Toscana, a breve distanza dalle maggiori città d’arte della regione.

Qui, in località detta Anchiano, Leonardo nacque il 15 aprile 1452 ed al suo genio universalmente riconosciuto sono intimamente legati i luoghi più suggestivi della città. Tra questi il Museo Leonardiano, che espone la più antica raccolta dedicata all’attività scientifica di Leonardo, e la Biblioteca Leonardiana dove si conservano le riproduzioni facsimilari di tutti i suoi manoscritti, oltre a tutte le edizioni a stampa delle sue opere.

  • Archeologia
  • Arte
  • Memoria
  • Scienza e tecnica

ORGANIZZA LA TUA VISITA
IN UNO DEI 21 MUSEI
PRESENTI NEL TERRITORIO

trova il museo

Informazioni utili

Contatti

Museo Leonardiano
Piazza Leonardo da Vinci, 26
50059 – Vinci (Firenze)
tel. + 39 0571 933251
email: info@museoleonardiano.it
sito: www.museoleonardiano.it

Orari

stagione estiva
(dal 1 aprile al 1 novembre)

tutti i giorni

10.00 – 19.00

 

stagione invernale
(dal 2 novembre al 31marzo)

da lunedì a venerdì
10.00 – 16.30

sabato, domenica e festivi
10.00 -18.00

martedì
chiuso nel periodo dal 2 novembre al 28 febbraio

Biglietti

Biglietto singolo (con visita alla Palazzina Uzielli, Castello dei Conti Guidi)

Intero: 9,00 €
Ridotto: 7,00 €

Biglietto cumulativo
(con la Casa Natale di Leonardo)

Intero: 12,00 €
Ridotto: 9,00 €

L’ingresso è gratuito per:

  • bambini fino a 6 anni di età
  • guide turistiche e accompagnatori con gruppi
  • residenti nel Comune di Vinci
  • guide turistiche con patentino
  • giornalisti con tesserino dell’Ordine accreditati
  • accompagnatore di visitatore disabile
  • disabili in visita di gruppo organizzata da comunità o associazioni di assistenza
  • operatori turistici in visita per educational tour
  • delegazioni istituzionali ospiti dei Comuni Unione dei Comuni Empolese Valdelsa

Il biglietto ridotto si emette per:

  • bambini dai 6 ai 18 anni
  • adulti oltre i 67 anni
  • studenti universitari fino a 25 anni di età muniti di tesserino
  • gruppi oltre le 15 persone
  • persone con disabilità
  • volontari del Servizio Civile Nazionale

Tutte le informazioni sono disponibili A QUESTO INDIRIZZO

News dal museo

Scopri tutte le ultime novità.

14 Aprile 2024

Museo Leonardiano

Vinci

Torna con un nuovo itinerario  il progetto MuDEV IN BUS, pensato insieme a Gattinoni Travel Store di Empoli per chi vuole scoprire il territorio dell’Empolese Valdelsa in modo diverso: domenica 14 aprile, nel pomeriggio, partiamo alla scoperta di “Leonardo l’acqua”. Questo tour ci condurrà attraverso luoghi significativi legati alla vita e all’opera di Leonardo, con particolare attenzione ai suoi studi e alle sue innovazioni nel campo idraulico e al legame profondo che il genio rinascimentale aveva con l’elemento vitale dell’acqua. Iniziamo, però, il nostro itinerario […]

Leggi tutto

13 Marzo 2024

Museo Leonardiano

Vinci

Sette percorsi tematici per scoprire il patrimonio straordinario dell’Empolese Valdelsa e i musei aderenti al MuDEV: ecco il nuovo progetto di promozione del territorio e di valorizzazione del turismo lento proposto dal Sistema museale diffuso insieme a Gattinoni Travel Store di Empoli, in qualità di partner tecnico. Si comincia il 24 marzo, si chiude il 5 maggio: sei domeniche (Pasqua esclusa) da dedicare alla scoperta del territorio grazie a itinerari tematici in cui il filo conduttore è rappresentato, di volta in volta, da uno dei […]

Leggi tutto

12 Dicembre 2023

Museo Leonardiano

Vinci

Un progetto completo di restyling grafico e di comunicazione integrata per il MUDEV – Museo Diffuso Empolese Valdelsa: è stato presentato in una conferenza stampa al Museo del Vetro di Empoli. Un progetto ambizioso che mira a rinnovare l’immagine di un sistema museale complesso che riunisce ben ventuno musei distribuiti in undici diversi territori dell’area Empolese-Valdelsa. Il MuDEV, oltre a essere un sistema museale, è una vera e propria rappresentazione poliedrica dell’identità locale, che abbraccia il territorio, la diversità dei musei, la memoria delle comunità […]

Leggi tutto