Museo Civico Archeologico
Montaione

Allestito all’interno del Palazzo Pretorio, edificio del XIII secolo nel cuore del borgo, il museo presenta principalmente reperti archeologici, paleontologici, minerali e fossili, recuperati nel territorio di Montaione.


Montaione, Museo Civico Archeologico

Il museo

Il Museo Civico Archeologico ha sede nel Palazzo Pretorio, edificio risalente al XIII secolo, con una facciata ornata di stemmi in pietra e ceramica, appartenenti alle famiglie toscane che hanno governato Montaione per quattro secoli.
La visita alla sezione archeologica del Museo Civico permette di inoltrarsi nella storia di un territorio ricco di reperti paleontologici ed archeologici di grande interesse, testimonianze di insediamenti etruschi e romani. Di grande rilievo sono le tracce lasciate dalle attività manifatturiere del vetro e della ceramica che hanno rivestito una notevole importanza nell’economia del territorio in quanto legate alla presenza di materie prime e di risorse boschive.
Il percorso museale segue un ordine cronologico: comincia dalla balena fossile di Montaione all’ingresso, per passare dalle testimonianze etrusche, e giungere ai reperti del sito di Bellafonte, all’acquedotto romano del Muraccio e ai mosaici provenienti dalla zona di Sant’Antonio.

Da non perdere

Opere dei grandi maestri, ricostruzioni multimediali, voci e racconti del territorio e delle comunità che lo abitano, reperti archeologici e memoria delle arti e dell’artigianato: ogni museo regala piccole grandi storie, tutte da scoprire.

Archeologia

Stele del Guerriero

Parte superiore di stele funeraria di tipo volterrano, in travertino, databile alla fine del VI secolo a.C.
Rinvenuta murata nella parete di una stalla di una casa colonica in località La Collina (Montaione).
Il defunto è raffigurato come guerriero oplitico, armato di lancia, scudo rotondo ed elmo crestato decorato con una fascia a meandro.
L’iscrizione sinistrorsa incisa sullo spessore della lastra indica il nome del defunto, Lauχusieś Kurteś.
mi lauχusieś kurteś ma.
Sullo scudo è invece inciso un numerale che indica l’età del defunto alla morte
↑ = 50, cui devono essere sottratti III = 3.
L’ètà del defunto doveva essere di 47 anni.

Archeologia

Urna funeraria

Urna funeraria in tufo proveniente da una piccola tomba a camera rinvenuta a Castelfalfi, località Rignano, data alla seconda metà del II sec. a.C.
Coperchio: figura di defunto femminile coricata, con il braccio sinistro appoggiato su due cuscini, la mano destra regge una melagrana. La cassa ha il formato di un parallelepipedo posto su quattro peducci: nella parte anteriore è raffigurato un “congedo funebre”, mentre ai lati: a sinistra una figura femminile di profilo mentre si congeda da un personaggio maschile; a destra Caronte, traghettatore di anime, caratterizzato da un martello appoggiato sulla spalla.

Archeologia

Fossile di balena

“Balaena Montalionis”
Resti fossili (costole e vertebre lombari) di una balena rinvenuta a Castelfalfi, risalente a circa tre milioni e mezzo di anni fa, che ricordano immediatamente come quest’area fosse in origine sommersa dal mare. Definita tale perché, come un altro reperto analogo (cranio) conservato al Museo di Storia Naturale di Calci, presentava caratteri peculiari non riscontrabili in altre balene fossili della Toscana. L’assenza del cranio in questo esemplare non ha consentito una determinazione certa della specie.

Il territorio

Nel cuore della campagna toscana, Montaione è un incantevole borgo che mantiene l’originale assetto medievale, è inserito tra i Borghi più belli d’Italia ed è arricchito da un percorso di opere di arte contemporanea.

Montaione è un incantevole borgo medievale, situato nel cuore della campagna toscana, in provincia di Firenze, nella zona della Valdelsa, nell’ambito turistico denominato Toscana nel cuore. Adagiato su una bellissima collina, offre suggestivi panorami dominati da boschi, vigneti e oliveti e tutta l’atmosfera di un autentico paese toscano.
Rappresenta il luogo perfetto dove soggiornare e poter organizzare escursioni alla scoperta della Toscana: permette, infatti, di raggiungere in poco tempo le principali città della regione.
Il centro storico mantiene l’originale assetto medievale, è inserito tra i Borghi più belli d’Italia ed è arricchito da un percorso di opere di arte contemporanea. Tutto il territorio, attraversato da una rete di circa 100 km di sentieri escursionistici, offre pregevoli attrattive dal punto di vista storico e artistico: oltre ai musei ricordiamo la cisterna romana del III sec., il borgo di Castelfalfi, il santuario della Madonna della Pietrina.

  • Archeologia
  • Arte
  • Memoria
  • Scienza e tecnica

ORGANIZZA LA TUA VISITA
IN UNO DEI 21 MUSEI
PRESENTI NEL TERRITORIO

trova il museo

Informazioni utili

Contatti

Museo Civico Archeologico
Via Cresci, 17-19
50050 – Montaione (FI)
tel. +39 0571 699255 – 699267
sito: www.empolimusei.it
e-mail: turismo@comune.montaione.fi.it
cultura@comune.montaione.fi.it

Orari

stagione estiva
(dal 1 aprile al 31 ottobre)

lunedì
16.00 – 19.00

da martedì a sabato
10.00 – 13.00

 

stagione invernale
(dal 16 maggio al 15 settembre)

anche domenica
10.00 – 13.00 

 

Biglietti

Biglietto singolo
Intero: 2,00 €
Ridotto: 1,00 €

 

Biglietto cumulativo
(con la Gerusalemme di San Vivaldo)
Intero: 6,00 €
Ridotto: 4,00 €

News dal museo

Scopri tutte le ultime novità.

12 Dicembre 2023

Museo Civico Archeologico

Montaione

Un progetto completo di restyling grafico e di comunicazione integrata per il MUDEV – Museo Diffuso Empolese Valdelsa: è stato presentato in una conferenza stampa al Museo del Vetro di Empoli. Un progetto ambizioso che mira a rinnovare l’immagine di un sistema museale complesso che riunisce ben ventuno musei distribuiti in undici diversi territori dell’area Empolese-Valdelsa. Il MuDEV, oltre a essere un sistema museale, è una vera e propria rappresentazione poliedrica dell’identità locale, che abbraccia il territorio, la diversità dei musei, la memoria delle comunità […]

Leggi tutto